“Mio caro serial killer” di Alicia Giménez-Bartlett (Sellerio)

Io adoro l’autrice, e adoro il suo personaggio Petra Delicado, ispettore di polizia a Barcellona (adoro anche Barcellona, ma non c’entra). Già che siamo in fase di adorazione, adoro anche l’ironia che percorre i polizieschi di questa serie.

Mio caro serial killer mi è piaciuto, ma non l’ho adorato.

L’ho trovato un pochino stanco, senza un’idea fulgida di base, e mi sono mancate le parti sulla famiglia allargata di Petra che di solito trovo, con molto piacere e un sorriso, tra un’indagine e l’altra.

È un buon romanzo, perché Alicia Giménez-Bartlett è una bravissima scrittrice, quindi consiglio comunque di leggerlo. Anche solo per alcune perle che vi copio-incollo:

Non siamo pessimiste. Cerchiamo di anticipare i problemi. Gli uomini sono diversi, devono ficcarsi nei casini fino al collo prima di capire che qualcosa non va”. (Più che pessimiste, direi ansiose, ma il senso è quello).

Oppure: “Forse dovevo andare da uno psicologo, purificare il mio karma, trovarmi un guru orientale, leggere Paulo Coelho o arruolarmi nella legione straniera. Riflettei su quest’ultima possibilità, mi parve la meno insopportabile.”

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...