“Il monaco di Mokha” di Dave Eggers (Mondadori)

Caro Davidino, tu lo sai che ti amo, che il tuo L’opera struggente di un formidabile genio mi è piaciuto fino alla commozione, che ho gradito anche The Circle ed Eroi della frontiera.

Adesso vuoi sapere che reazioni ho avuto leggendo Il monaco di Mokha? Premetto che è un periodo in cui molti degli autori che amo mi deludono, e davvero magari non siete voi ma sono io.

Comunque. Primo terzo del tuo libro: Uh, ma dai, che storia interessante e originale.

Secondo terzo: Ehi, Dave, ma che palle con ‘sto caffè, neh.

Terzo e ultimo terzo: Oh, finalmente la storia si anima, bella, mi piace, è interessante e la lettura scorre che è un piacere. Finito, peccato.

Però quel secondo terzo, Davidino, che due palle. Senti, ma lo dovevi proprio scrivere tutto tuttissimo? No, perché l’intero tomo consta di circa trecentocinquanta pagine scritte in piccolo, quindi il secondo terzo non è mica un bruscolino.

Vabbe’, ti amo lo stesso, e ora guardo il bicchiere mezzo pieno: Il monaco di Mokha è una storia vera, quella di un americano con origini yemenite che ha un sogno, il suo sogno riguarda il caffè, ed è un sogno talmente folle e adorabile che lo realizza. Il tutto, raccontato da un formidabile genio. (A parte quel pippone sul caffè nel secondo terzo, scusami se insisto).

Ciao, Davidino, grazie, se scrivi qualcos’altro lo leggo.

Annunci

Una risposta a "“Il monaco di Mokha” di Dave Eggers (Mondadori)"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...