“La lingua perduta delle gru” di David Leavitt (Mondadori)

E insomma, il mio cospicuo buono-regalo natalizio da spendere in libreria l’ho finito, e così l’altro giorno sono tornata alla bancarella dell’usato vicino a casa. (Leggere più di un libro alla settimana è un vizio costoso) :). Lì ho visto La lingua perduta delle gru e, siccome di Leavitt avevo letto anni fa Ballo di famiglia e mi era piaciuto tanto, mi sono portata a casa anche questo. Che mi è piaciuto tantissimo.

Bello, ben scritto, profondo, delicato, struggente. Intelligente. Vero.

Bello anche il titolo, tra l’altro.

Leavitt racconta una storia di amori acerbi e amori maturi, di rapporti tra genitori e figli, di omosessualità dichiarate a fatica o disperatamente nascoste, di paura e di coraggio, di scelte sbagliate e di scelte non fatte.

Bellissimo, veramente.

Per favore, se non l’avete letto, leggetelo.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...