“La collina dei conigli” di Richard Adams (BUR)

Il libro è uscito in Italia nel 1975, e il film d’animazione nel ’78. E io me li ero persi entrambi. Be’, ho recuperato in questi giorni, leggendo con avidità il romanzo.

Proprio bello.

Ho imparato un sacco di cose, sulla vita dei conigli, certo (l’autore si era documentato moltissimo), e sulla vita di noi tutti. Le guerre (Adams ha studiato Storia a Oxford), le alleanze, le dinamiche psicologiche di leader e di sottoposti, il coraggio, la paura: tutto attraverso gli occhi di un drappello di avventurosi conigli che migra in cerca di un avvenire più sicuro.

Mi sono preoccupata insieme a loro, ho condiviso spaventi e sorrisi, speranze e delusioni. Ho adorato Kehaar, il gabbiano che diventa loro amico, col suo modo di esprimersi esilarante. Ho amato perdutamente Quintilio, il coniglio sensitivo, con le sue visioni. Ho stimato Moscardo, il loro condottiero, con le sue limpide insicurezze. Ho fatto amicizia con tutti i personaggi, che sono ancora qui con me, presenze forti e indimenticabili.

Un romanzo epico, davvero appassionante. Certo, lo stile è un po’ vecchiotto, e il libro forse è un po’ lunghetto, ma è assolutamente da leggere.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...